Home / Sportello utente / Consigli e buone pratiche per …

Consigli e buone pratiche per limitare consumi riscaldamento

Informazioni

CONSIGLI E BUONE PRATICHE PER LIMITARE I CONSUMI DURANTE LA STAGIONE INVERNALE.

Non ostruiamo con mobili, divani, ecc... i radiatori, in modo da consentire la circolazione dell’aria calda e la conseguente emissione del calore da parte dello stesso radiatore;

Sottoponiamo la caldaia autonoma a manutenzione periodica e facciamo controllare i fumi (bollino blu), senza dimenticare che la manutenzione è obbligatoria; inoltre una caldaia ben tenuta, oltre a durare di più negli anni ed essere più sicura, consuma meno!

Evitiamo di superare in casa i 20°C (l’ideale sono 19-20° di giorno e 16° di notte) poiché anche un solo grado in più andrebbe ad incidere sulla bolletta.

Regoliamo la temperatura dell’appartamento cercando di privilegiare per l’accensione del riscaldamento le ore di effettiva permanenza in casa (esempio prime ore del mattino, prima di recarsi al lavoro – prime ore del pomeriggio al rientro a casa);

Se possibile, installiamo dietro ogni termosifone uno di quei pannelli isolanti/riflettenti, soprattutto se il calorifero è installato all’interno di una nicchia sotto finestra.

Se i radiatori sono dotati di valvole termostatiche, cerchiamo di differenziare la temperatura degli ambienti in funzione del loro utilizzo (più caldo nelle sale da pranzo/cucine, un po’ di meno nelle camere da letto).

Quando possibile, permettiamo alla luce solare diretta di entrare in casa riscaldando gli ambienti, mantenendo aperte serrande e tapparelle.

Verifichiamo periodicamente lo stato delle pile del cronotermostato (1 volta per anno); questo permette anche una verifica del funzionamento ed un eventuale azione di manutenzione sullo stesso (esempio passaggio ora solare-ora legale).

Cerchiamo di cambiare aria agli ambienti con una ventilazione naturale di breve durata, privilegiando le ore meno fredde della giornata; anche in presenza di nebbie ventilare i locali non aumenta o ci espone alla formazione di muffe, ma rende più salubre la permanenza in casa.

Informativa estesa sull'uso dei cookies